Archivi autore: redazione

Montepulciano celebra San Biagio

Il prossimo venerdì 3 febbraio la comunità poliziana celebrerà la solennità di San Biagio.

Nella chiesa dedicata al Santo vescovo e martire sono previste due celebrazioni: al mattino l’Eucaristia alle ore 11.00 presieduta da don Davide Campeggiani, sacerdote novello della nostra diocesi e vice parroco alla Pieve di Sinalunga.

Nel pomeriggio alle ore 17.30 la solenne Eucaristia presieduta dal vescovo, il cardinale Augusto Paolo Lojudice, che consegnerà ai cresimandi della parrocchia – accompagnati dalle catechiste – il simbolo degli apostoli.

Al termine delle celebrazioni, sia al mattino che al pomeriggio, è prevista la benedizione della gola e la distribuzione del pane benedetto.

Un appuntamento da non perdere.

Notizia e locandina tratte da pagina Facebook

L'esatto punto nel bosco dove sorgeva il rifugio

Circolo di Villa a Sesta: storia e memoria con “Shalom Italia”

Una giornata dedicata alla memoria domenica 5 febbraio. Ad organizzarla il Circolo di Villa a Sesta in collaborazione con il Gruppo Escursionisti Berardenga. Un appuntamento fortemente voluto per favorire sport e attività all’aria aperta con un ideale viaggio nel passato alla scoperta della famiglia Anati, composta da ebrei fiorentini, che nel 1943 trovò rifugio proprio in zona
 
La giornata si aprirà con il trekking di circa 6 km (per prenotazioni info.gebsiena@gmail.com). A seguire il pranzo (da prenotare entro il 4 febbraio) con la proiezione, alle ore 15.30, di “Shalom Italia” il film tratto da una storia vera. Interverrà il professor Fabio Mugnaini  dipartimento di Scienze Storiche e Culturali, università di Siena.
Ecco la storia della famiglia Anati
 
Durante la notte del  8/11/1943 un amico della famiglia Anati, agiati ebrei fiorentini, bussa alla porta della loro bella abitazione nel centro di Firenze.
Durante la giornata gli Anati, come altri centinaia di ebrei fiorentini, avevano ricevuto una convocazione del comando tedesco che intimava loro di presentarsi, la mattina del giorno 9/11/1943, alla stazione di Santa Maria Novella per essere avviati verso dei non meglio identificati “campi di lavoro”.
L’amico è molto netto e preciso: non dovete presentarvi, quei treni finiranno ad Auschwitz e non ritornerete, mai!
La famiglia Anati da tempo aveva preparato un piano di fuga: tramite la loro governante di casa, Ines Secciani, avrebbero dovuto raggiungere il paese di origine della Ines, un piccolo e sperduto borgo nel chianti di nome Villa a Sesta.
Li il fratello di Ines, Archimede, ed altri paesani avrebbero fornito ospitalità agli Anati in un posto che al momento era da considerarsi tranquillo e lontano dai problemi dei rastrellamenti.
Fu così che la famiglia Anati lasciò la loro bella e comoda abitazione per raggiungere, dopo qualche giorno di viaggio, la destinazione di Villa a Sesta.
Gli Anati affittarono una casa per Babbo, Mamma e i 4 figli. La Nonna, che aveva bisogno di cure ed assistenza, andò ad abitare nella casa di Archimede con Ines.
La tranquillità durò pochi mesi, il fronte di combattimento tra l’esercito alleato e i tedeschi si avvicinava sempre più e il signor Anati non voleva farsi trovare impreparato: con la complicità di Archimede Secciani (muratore/piccolo impresario edile)  e di Vasco Corti (carbonaio/tagliaboschi) avevano preparato un piccolo rifugio nei boschi, in posizione abbastanza lontana dal paese e da qualsiasi sentiero, dove potersi rifugiare nel caso che la situazione in paese si fosse fatta troppo pericolosa.
Cosa che puntualmente avvenne e la famiglia Anati (Babbo, mamma, Nonna e i 4 figli) passeranno circa 3 mesi nell’inverno 1943-1944 nella capanna, senza nessun tipo di comfort se non una piccola sorgente di acqua nei pressi della capanna.
Con la complicità di Archimede, Vasco e di tutto il paese di Villa a Sesta che non li denunciò alle autorità tedesche, la famiglia Anati riuscì a salvarsi, fece ritorno a Firenze ma non potè riappriopriarsi della propria casa (requisita e non più restituita). Le vicende vissute, seppure con esito migliore di tanti altri conoscenti e amici, lascerà un segno troppo grosso da sopportare e decisero di trasferirsi in Israele. Uno dei fratelli morirà in giovane età, gli altri 3 studieranno e diventeranno:
Emanuele un famoso archeologo che tuttora svolge la sua attività di ricerca in Italia nella provincia di Brescia.
Andrea un famoso scalatore che aprirà numerose vie di scalata in Israele;
Ruben (detto Bubi), il piccolo di casa, un professore universitario di fisica.
Bubi, che al tempo del rifugio di Villa a Sesta era un bambino di circa 6 anni, questa storia non riesce a dimenticarla, forse perchè per lui questa “avventura” era sembrata un gioco e per lui diventa una ossessione cercare e trovare la capanna del bosco.
Bubi trascorre le sue estati in Italia, nell’appennino aretino dove ha acquistato una piccola casa e spesso viene a Villa a Sesta per le sue ricerche. Ritrova Nada Secciani, la figlia di Archimede e cerca in modo ostinato domandando a tutti coloro che a quel tempo c’erano, informazioni per trovare il loro rifugio del 1943/1944. Finalmente nel 2017 con l’aiuto di Emanuele e Andrea ritrova la capanna nel bosco, documentando questa ricerca con un docu-film dal titolo “Shalom Italia”. Successivamente nella capanna nel bosco Bubi pianterà un cartello della memoria che descrive brevemente questa vicenda e che ringrazia le persone che hanno contribuito, a rischio della loro stessa vita,a salvare la loro famiglia facendo non la scelta più comoda, ma “la scelta giusta”!
Alessandro Tadiello
 
per saperne di più
"Si-Sienasociale la coprogettazione che tanto vale" : corso antenne del territorio

Progetti: la regione finanzia fino a 100 mila euro

Contributi in ambito sociale per soggetti del Terzo Settore – anno 2023. Scadenza delle domande 17 febbraio 2023. Fondamentale coprogettare. Destinatari dei contributi possono essere leorganizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni del terzo settore iscritte al RUNTS o ai registri del Terzo settore della Regione Toscana, con sede operativa in Toscana

 

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 26076 del 30 dicembre 2022 (pubblicato sul Burt n. 3 Parte III del 18 gennaio 2023) ha approvato l’avviso pubblico per la concessione di contributi in ambito sociale anno 2023 a soggetti del terzo settore. L’Avviso si inquadra nel percorso stabilito dall’atto di indirizzo adottato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali in data 02.08.2022, in attuazione degli articoli 72 e 73 del D.l.gs. 3 luglio 2017, n.117 (“Codice del Terzo settore”) che, dopo aver individuato gli obiettivi generali, le aree prioritarie di intervento e le linee di attività finanziabili, destina una parte delle risorse finanziarie disponibili alla promozione ed al sostegno di iniziative e progetti a rilevanza locale.

Dotazione finanziaria

L’Accordo sottoscritto tra Ministero del Lavoro e Regione Toscana prevede un finanziamento di € 4.920.850,00, ripartito per le seguenti annualità: € 1.771.506,00 per l’anno 2022, € 1.509.060,00 per l’anno 2023 ed € 1.640.284,00 per l’anno 2024.
La Regione Toscana ha destinato a questo Avviso complessivi € 1.509.060,00 per l’anno 2023, risorse che saranno eventualmente implementate dopo l’approvazione dei finanziamenti e durante lo svolgimento delle attività ammesse a contributo.

Destinatari e requisiti di accesso

Verranno finanziati esclusivamente progetti presentati dalle Organizzazioni di volontariato, Associazioni di promozione sociale e da Fondazioni del Terzo settore in partenariato fra loro, iscritte al Registro Unico nazionale del Terzo settore, con sede operativa all’interno del territorio regionale della Toscana. Nelle more del completamento del processo di popolamento iniziale del RUNTS le iniziative e i progetti possono essere proposti anche dalle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266 e dalle associazioni di promozione sociale iscritte nei registri previsti dall’art. 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383, coinvolte nel processo di trasmigrazione di cui all’art. 54 del Codice del Terzo Settore nonché le fondazioni iscritte all’anagrafe di cui all’art. 10 del D. LGS 4 dicembre 1997, n. 460.
Il possesso del requisito dell’iscrizione ai registri deve perdurare nei confronti di tutti i soggetti attuatori – ente proponente e partners – partecipanti all’iniziativa o progetto per l’intero periodo di realizzazione: in caso di cancellazione di uno dei soggetti attuatori dai citati registri l’ente proponente potrà ridistribuire il budget  tra i partner o se stesso, salvo le spese già sostenute. La cancellazione dell’ente proponente potrà comportare l’immediata decadenza dal beneficio e la conseguente revoca del finanziamento.
Sono escluse dalla presentazione di progetti l e Imprese Sociali e le Cooperative Sociali.

Progettualità e territorio

Le progettualità dovranno preferibilmente inserirsi nell’ambito delle politiche integrate e di comunità previste dalla rete territoriale, basata sul network composto dai servizi territoriali, dalle Zone Distretto, dalle Società della Salute, dalle Aziende sanitarie, dai Comuni e dalla Città metropolitana di Firenze e dagli ETS del territorio. Il partenariato e dialogo attivo tra enti locali e altri enti pubblici del territorio ed ETS si potrà, altresì, evincere anche dalla previsione di forme di partenariato nell’ambito dei progetti proposti. Come successivamente indicato in sede di valutazione sarà considerato elemento di valore e valutata positivamente la dimensione territoriale delle iniziative e delle progettualità presentate.

Partner

Potranno considerarsi partner del progetto esclusivamente associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato e fondazioni che svolgono un ruolo attivo fornendo un concreto impegno operativo nell’attuazione delle azioni progettuali, aventi almeno una sede operativa nel territorio della regione Toscana ed iscritte al Registro nazionale del Terzo settore o nei registri di cui sopra.
Ogni soggetto in qualità di proponente capofila, potrà presentare al massimo una proposta progettuale; un’eventuale ulteriore proposta potrà vederne la partecipazione solo in veste di partner. I soggetti che non risultino come proponenti capofila potranno prendere parte a titolo di partner ad un massimo di due progetti.

Sostenitori

La realizzazione di iniziative e di progetti previsti nel presente Avviso potrà svolgersi anche con l’eventuale adesione esterna, prevedendo l’attivazione di specifiche intese o di specifici accordi, con enti pubblici o altri soggetti privati (ivi compresi anche i soggetti non appartenenti al Terzo settore, come le imprese) in qualità di soggetti sostenitori da indicare in sede di partecipazione all’avviso.
In particolare, nel caso di eventuale partecipazione in qualità di soggetto sostenitore da parte di ETS e/o di altri soggetti privati, imprese, aziende o altri enti profit tali collaborazioni non potranno in ogni caso prevedere in alcuna forma eventuali costi o spese a carico degli utenti e/o destinatari delle azioni progettuali; si precisa, pertanto, che i sostenitori indicati si impegnano a partecipare al progetto a titolo non oneroso, con l’intento di favorirne la promozione e comunicazione su territorio coperto dalla progettualità finanziata con il presente Avviso.
Non vi sono limitazioni ai numeri di soggetti sostenitori per progetto né all’adesione a più progetti in qualità di soggetto sostenitore.

Obiettivi, aree prioritarie di intervento e linee di attività

Le iniziative e i progetti per l’annualità 2023, in coerenza con quanto previsto dall’atto di indirizzo ministeriale, dovranno riguardare i seguenti obiettivi generali:

  • Porre fine ad ogni forma di povertà
  • Salute e benessere: assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età
  • Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, opportunità di apprendimento permanente per tutti
  • Raggiungere l’uguaglianza di genere e l’empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze
  • Ridurre le ineguaglianze
  • Giustizia di comunità

Ogni obiettivo generale comprende più aree prioritarie di intervento. Le aree prioritarie di intervento e le linee di attività sono indicate nel dettaglio all’art. 2 dell’Avviso.
Dovranno essere indicati rispettivamente massimo n. 3 obiettivi e 3 aree prioritarie di intervento per ciascun obiettivo prescelto.

Fasce di contributo

Fascia  A
Progetti con contributo regionale richiesto compreso tra un minimo di 50.000,00 € e un massimo di 100.000,00 €
Ulteriore requisito di accesso per i progetti rientranti nella Fascia A è la partecipazione di almeno 5 Enti del Terzo settore in partenariato, compreso il soggetto capofila.

Fascia  B

Progetti con contributo regionale richiesto compreso tra un  minimo di 20.000,00 € e un massimo di 49.999,99 €.
Ulteriore requisito di accesso per i progetti rientranti nella Fascia B è la partecipazione di almeno 3 Enti del Terzo settore in partenariato, compreso il soggetto capofila.

Durata iniziative e progetti

La durata massima delle proposte progettuali non potrà superare il 31/12/2023
In ogni caso l’avvio del progetto deve avvenire entro 30 giorni dalla comunicazione di concessione del contributo.

Contributo e modalità di erogazione

La quota di cofinanziamento regionale concesso a valere sul presente Avviso non potrà superare l’80% del costo totale del progetto approvato.
La restante quota parte del costo complessivo approvato, pari almeno al 20%, sarà a carico dei soggetti proponenti, i quali potranno avvalersi anche di eventuali risorse finanziarie messe a disposizione da soggetti terzi, pubblici o privati (sono esclusi finanziamenti pubblici comunitari, nazionali o regionali come meglio specificato in seguito). In ogni caso il cofinanziamento dovrà consistere in un apporto monetario a carico dei proponenti e degli eventuali terzi, mentre non sarà considerato cofinanziamento la valorizzazione delle attività svolte dai volontari o di altro tipo di risorse a carattere non finanziario o figurativo. A tale riguardo, si specifica ulteriormente che tutte le spese imputate al cofinanziamento dovranno essere effettivamente sostenute e pertanto adeguatamente documentate attraverso opportuni giustificativi che, al pari della restante documentazione contabile, dovranno essere conservati e prodotti in caso di successivi ed eventuali controlli (a mero titolo di esempio: le spese di personale portate a cofinanziamento dovranno essere documentate attraverso buste paga con l’indicazione della quota parte dello stipendio mensile imputata al progetto finanziato, lettera di incarico del dipendente, time sheet con le ore lavorate per il progetto de quo, ecc).
La quota a carico dei soggetti attuatori e degli eventuali terzi può essere superiore al 20%.
Il contributo concesso sarà corrisposto con le seguenti modalità:
L’ anticipo  dell’80% contestualmente all’approvazione del decreto dirigenziale che ammette a graduatoria i progetti finanziabili e per il restante 20% a dietro presentazione – entro i 60 giorni successivi alla fine dell’attività – della relazione sullo svolgimento del progetto e della rendicontazione finale delle spese complessivamente sostenute.

Scadenza e presentazione domande

La presentazione della domanda di finanziamento dovrà avvenire entro e non oltre le 23.59 del 17 febbraio 2023 ESCLUSIVAMENTE PER VIA TELEMATICA accedendo all’applicativo

Presentazione domanda online

Possono presentare la domanda i rappresentanti legali del soggetto richiedente o loro delegati autenticandosi attraverso la propria smart card (carta di identità elettronica, tessera sanitaria abilitata o Spid). Si specifica che la delega a presentare la domanda da parte dei rappresentati legali del soggetto richiedente è ammessa purche’ la medesima sia formalizzata mediante il modello D (Delega) fornito da Regione Toscana e sia rivolta esclusivamente alla figura del vice presidente o ai membri del consiglio direttivo o del consiglio di amministrazione.

Open day a Castelnuovo Berardenga

Castelnuovo: contributi per le associazioni locali

Il Comune di Castelnuovo Berardenga rinnova il sostegno alle associazioni e organizzazioni di volontariato iscritte alla Consulta comunale dell’associazionismo. Fino al 28 febbraio sono aperte le domande per richiedere i contributi messi a disposizione dall’amministrazione comunale per promuovere iniziative e progetti rivolti alla comunità.
L’avviso è pubblicato sul sito del Comune www.comune.castelnuovo.si.it, nella sezione dedicata
all’associazionismo, dove è possibile consultare e scaricare il regolamento e il modulo
della domanda, da inviare per posta elettronica all’indirizzo protocollo@comune.castelnuovo.si.it
“Le associazioni e le organizzazioni di volontariato– afferma Martina Borgogni assessora all’associazionismo di Castelnuovo Berardenga – sono realtà molto preziose per l’amministrazione comunale, con cui collaboriamo durante tutto l’anno per offrire ai cittadini servizi e opportunità importanti in ambito sociale, culturale e assistenziale. Dopo gli anni difficili segnati dalla pandemia, che hanno pesato sulla socialità anche nel nostro territorio, rinnoviamo volentieri la possibilità rivolta alle associazioni di richiedere il contributo per supportare azioni tese a ‘curare’ e incentivare le relazioni sociali. A nome di tutta l’amministrazione comunale, ringrazio le volontarie e i volontari che ogni giorno operano per il bene e la coesione sociale della nostra comunità”.
L'opera romantica evento a Siena - la locandina

Con la coprogettazione alla scoperta dell’opera romantica

 “L’opera romantica” è il tema dell’appuntamento previsto, per mercoledì 01 febbraio alle 16.30, presso il centro socioculturale “La Lunga Gioventù” via Pispini 162. Relatore sarà il professor Guido Burchi. L’evento fa parte di “Si-Sienasociale la coprogettazione che tanto vale”.

Un pomeriggio per riflettere su un tema importante e significativo. È quello organizzato nell’ambito di Si-Sienasociale la coprogettazione tra comune di Siena ed enti del terzo settore. Al centro dell’attenzione l’opera romantica e il suo contributo culturale alla nostra collettività.

Un appuntamento da non perdere ad ingresso libero.

Nella foto locandina dell’evento.

SI-SIENA SOCIALE, la coprogettazione che tanto vale, è tra Comune di Siena e Enti del Terzo Settore per proposte a favore di anziani, minori, famiglie e disabili. A seguire le realtà partecipanti. Tavolo Anziani (Associazione di Pubblica Assistenza di Siena, La lunga gioventù APS, Centro socio-culturale terza età Antonio Conti APS); Tavolo Famiglia-Minori (Siena Soccorso ODV, Arciconfraternita di Misericordia di Siena OdV, M’ama APS, La lunga gioventù APS); Tavolo Disabilità (Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Siena APS, Autismo Siena Piccolo Principe ODV, Le Bollicine APS, Sesto Senso ODV, Associazione Senese Down (ASEDO) ODV, Il Laboratorio ODV.

“Otaria la volontaria” presenta MondoMangione

Nuovo appuntamento con l’amica delle cittine e dei cittini! Otaria la Volontaria fa da guida nel vasto mondo del volontariato ed, in generale, del terzo settore. E, rivolgendosi ai bimbi, afferma: “Dovete sapere che nella mia comunità, così proprio come nella vostra, molte attività e molte relazioni non esisterebbero se non ci fossero i volontari o senza l’impegno di quanti credono nel mondo cooperativo!

Ciao a tutte, giovani otarie! Sapete dove sono stata ieri a fare un po’ di scorta di buon cibo a chilometro zero? A MondoMangione, che da poco si è trasferito al n. 7 di via Bernardo Tolomei! Ma, prima di tutto, sapete cosa è MondoMangione che, solo a sentirlo nominare, mi fa venire voglia di fare una bella scorpacciata? Ve lo dico io cosa è: una cooperativa (cioè un insieme di persone che lavorano per uno stesso obiettivo) di consumatori che si occupa di cibo di filiera corta e di commercio equo e solidale, quindi di tutti quei prodotti che dal produttore passano direttamente al consumatore, senza troppi passaggi commerciali, nel pieno rispetto degli standard sociali, ambientali ed economici.

In bottega trovate verdure biologiche di stagione, latte crudo e latticini, pane a lievitazione naturale, tutto proveniente da produttori locali. Non solo: cosmesi naturale, detersivi alla spina e persino libri! Non vi pare un posto super? Tra l’altro nel nuovo locale hanno creato anche un angolo dove poter fare colazione con buonissimi pezzi di torta oppure dove poter consumare un pranzo veloce, ma sano e gustoso. Mangiare in modo salutare, aiutando la nostra economia locale… si può chiedere di più?

E allora cosa aspettate, fateci un salto oppure visitate il loro sito www.mondomangione.it per farvi un’idea! Non ve ne pentirete, parola di Otaria la Volontaria!

Otaria la volontaria è il personaggio di fantasia che vive nelle pagine di Sienasociale.it   Nata dalla splendida matita di Elisa Bigio, la nostra protagonista racconta le magnifiche storie di Elisa Mariotti e aiuta i più piccoli “ad entrare” nell’affascinante mondo del volontariato. Le storie di Otaria le trovate, ogni domenica, su sienasociale.it…raccontatele ai cittini!

Nel quadro di Elisa Bigio Otaria visita Mondomangione

 

QuaViO: “grazie Wine&Siena 2023”

QuaViO ringrazia Wine&Siena 2023 e lo fa con le parole della presidente, Vanna Galli: “abbiamo avuto una bellissima accoglienza e grande disponibilità“. Intanto, continua la raccolta di prodotti di eccellenza da destinare ad iniziative di raccolta di fondi utili a finanziare un nuovo progetto di sostegno psicologico

Wine&Siena è solidarietà. La manifestazione ha aderito all’invito di QuaViO odv, organizzazione di volontariato impegnata a Siena e provincia nelle cure palliative a malati oncologici,  chiedendo ai produttori presenti di donare una loro bottiglia. L’obiettivo è quello di raccogliere prodotti di eccellenza da destinare ad iniziative di raccolta di fondi utili a finanziare un nuovo progetto di sostegno psicologico.

Una “Bottiglia per la solidarietà” è una di scelta di aiuto reciproco che consente di donare una bottiglia collocandola nello speciale “baule della solidarietà” che è presente all’ingresso della manifestazione. “Ringrazieremo pubblicamente tutti i produttori che decideranno di sostenerci. E’ bello percepire tutto il senso di questo altruismo”.

Intanto anche domani, la manifestazione non si ferma. Fino alle 16 la degustazione dei prodotti enogastronomici. Alle 11.30 “Tra Borghi e Cantine” con la Premiazione del ristorante vincitore della IV edizione. Dove la tradizione incontra il gusto” con Confcommercio Siena.

Dalle 10 alle 13 visite guidate del Museo delle Biccherne. Alle 15.00 la conferenza stampa finale nella Sala Sant’Ansano con consegna delle bottiglie raccolte a QuaViO odv.

QuaViO (Qualità della Vita in Oncologia) è un’associazione di volontariato che, nella città del Palio e nella sua provincia, si occupa di cure palliative e, dunque, di tutela della vita fino all’ultimo istante. Da oltre 30 anni in modo del tutto gratuito ha assistito pazienti oncologici. Solo nel 2022, più di 200 persone hanno beneficiato dei servizi di assistenza psicologica, sanitaria e sociale. Una bottiglia di vino può aiutare a sostenere questa causa. In particolare, quanto sarà raccolto sarà utilizzato per finanziare una progetto in corso con il quale una psico-oncologa sarà presente per 12 ore settimanali presso un ambulatorio dell’ospedale di Siena. Il che significherà essere riusciti ad affiancare all’assistenza psicologica ai malati a domicilio, che già viene fornita, quella in ospedale. La chiusura di un cerchio virtuoso in cui il paziente non è mai “solo”.

nella foto il baule della solidarietà allestito per contenere la bottiglie donate

Mamme Per Mamme Allattiamo in Val di Chiana - Silvia Pompilio con le sue bimbe

“Sono mamma per le mamme” la storia di Silvia

Silvia Pompilio, 37 anni, mamma di Maria Francesca e Maria Chiara, è la presidente di un’associazione di volontariato nata su stimolo delle operatrici dell’ospedale di Nottola e dopo un percorso di maternità, inizialmente, difficile. Tale periodo, “ha visto la luce” proprio grazie all’aiuto del personale dell’Ospedale di Montepulciano (ostetriche, infermieri e pediatri) ed alla condivisione con altre mamme, che si sono unite ed hanno dato vita ad un’iniziativa lodevole. “Ogni volta mi sento utile ed appagata perché nel mio piccolo so di essere stata presente e di non aver lasciato sole delle neo mamme impaurite e fragili

Mamme Per Mamme Allattiamo in Val di Chiana - Silvia Pompilio

Mamme Peer Mamme Allattiamo in Val di Chiana – Silvia Pompilio

Tutto nasce nel 2018 quando Silvia è alla sua prima gravidanza. Dopo la nascita della piccola Maria Francesca, si trova a dover affrontare una vita del tutto nuova e senza alcuna esperienza se non quella teorica dei corsi preparto. Nascono le prime difficoltà per la gestione ed accoglienza della nuova arrivata e allo stesso tempo problemi pratici come quello dell’allattamento al seno materno, che Silvia vuole fortemente ma che la piccola Maria Francesca invece sembra non voler assecondare. Così Silvia, per ben dodici mesi ed ogni due ore (giorno e notte), si ritrova a dover estrarre artificialmente il suo latte con un “tiralatte” ed offrirlo alla neonata per farla crescere nel miglior modo possibile. Nascono sentimenti contrastanti, paure, senso di inadeguatezza e sofferenza. Emozioni tipiche e forti, presenti in tutte le neomamme e che creano turbamenti e malumori, ma che se affrontati in maniera corretta, sfociano in consapevolezza ed esperienza.

Consapevolezza che Silvia ha saputo ben gestire, dandole una forma nuova ed efficace!

Con le altre mamme, conosciute durante il corso di formazione per mamme alla pari, promosso dall’Ospedale Nottola e con le quali si crea un’amicizia ed un legame speciale, decide di fondare l’associazione “Mamme Peer Mamme Allattiamo in Val di Chiana” (mamme alla pari) – di cui Silvia è anche Presidente – con lo scopo di dare sostegno, conforto ed aiuto ad altre donne che da lì a poco si appresteranno a diventare genitrici. Silvia è fortemente motivata oltreché entusiasta, tanto che l’impegno speso, lei stessa lo definisce la sua “missione”.

L’associazione vede subito grandi riscontri e anche nel periodo della pandemia in cui gli incontri in ospedale vengono limitati, le mamme organizzatrici pianificano meeting on line, ricevendo richieste di supporto anche dalla Sardegna e dalla Sicilia!

Silvia ci racconta che ha sentito questa forte spinta di solidarietà perché lei per prima ha avuto la fortuna di essere aiutata dall’ambiente familiare, ospedaliero e dalla cittadinanza. Ma non tutte le donne hanno questa ricchezza e spesso vivono un momento così importante, con solitudine ed angoscia. “Mi sento di restituire un favore” ci racconta la presidente dell’associazione “ed ogni volta mi sento utile ed appagata perché nel mio piccolo so di essere stata presente e di non aver lasciato sole delle neo mamme impaurite e fragili”.

Mamme Per Mamme Allattiamo in Val di Chiana - un momento di un incontro

Mamme Per Mamme Allattiamo in Val di Chiana – un momento di un incontro

Evidente è il messaggio di sostegno e di continuità, tantoché sulla locandina dell’associazione accanto al nome ed al numero delle mamme volontarie, compare la dicitura “disponibile WhatsApp SEMPRE”.

Complimenti quindi a queste grandi donne che donano il loro tempo per un’esperienza così speciale ed unica, qual è quella di diventare mamma!

A febbraio 2023 riprenderanno gli incontri in presenza grazie anche al Comune di Sinalunga che ha offerto i locali della biblioteca di Bettolle. Per partecipare, è sufficiente telefonare e prenotarsi. Oltre alla presenza delle mamme volontarie, ci sarà la presenza di operatori dell’Ospedale Nottola che informeranno i presenti su tematiche mediche inerenti la gravidanza ed il nascituro.

Mamme Per Mamme Allattiamo in Val di Chiana - componenti associazione

Mamme Peer Mamme Allattiamo in Val di Chiana – componenti associazione

Altre associazioni, come quella di cui Silvia è presidente, sono presenti sul territorio. In val d’Elsa associazione “Non solo latte, mamme per amiche”, in Val d’Arno “Mamme per le mamme Val d’Arno”, ad Arezzo “Latte di Mamma Arezzo”. Tutte le informazioni sono reperibili su Facebook.

Stefania Ingino

Per saperne di più

Mamme Peer Mamme – allattiamo in Valdichiana | Montepulciano | Facebook

La cena di "Le Bollicine" nella contrada della Tartuca

Contrada della Tartuca per Le Bollicine: ecco la super pizza!

“Pizzata in amicizia” è l’iniziativa che si è tenuta nei giorni scorsi presso la Contrada della Tartuca. Ingredienti per una super pizza: l’amicizia, senso di appartenenza, un pizzico di sale e tanti sorrisi. “Le Bollicine” protagoniste di una serata speciale.

Finalmente, dopo lo stop dovuto al post Covid, è “ritornata” la pizzata in amicizia svoltasi martedì 24 gennaio nella Contrada della Tartuca. I ragazzi di casa Clementina dell’associazione “Le Bollicine” insieme a giovani e meno giovani della Contrada della Tartuca si sono divertiti a mescolare tutti gli ingredienti per la preparazione.

E come la farina si mescola all’acqua ed al sale per lievitare, così l’Associazione e la Contrada della Tartuca si sono mescolate passandosi tutti gli ingredienti, a suon di sorrisi, divertendosi ad impastare, sporcandosi le mani, stendendo la pasta ed apparecchiando tutti insieme per la cena.

Nella nostra pizzata di martedì sera c’è stato molto divertimento, tante risate, collaborazione da parte di tutti quanti e senso di appartenenza, che è la base per le ricette più buone. Un ringraziamento speciale alla Contrada della Tartuca che ci ha accolto facendoci sentire come a casa, creando un piccolo evento che  è stato motivo di scambio, di relazioni tra ragazzi, ma soprattutto all’insegna dell’amicizia, dell’altruismo e della solidarietà” fanno sapere da “Le Bollicine”.

Complimenti per l’iniziativa…e W la pizza!

Noemi D.M.

 

sanità territoriale - evento di SI-Sienasociale

“Sanità territoriale” ieri l’incontro di Si-Sienasociale (le foto)

Un momento di costruttivo confronto per capire come sta cambiando la nostra sanità. “Una nuova architettura per il sistema socio sanitario toscano: il progetto della sanità territoriale a Siena” questo è stato  il titolo dell’iniziativa che ha avuto luogo, ieri,  alle ore 16:30 presso l’Aula Magna dell’Università per Stranieri di Siena in piazzale Rosselli. Presenti esponenti del terzo settore.

L’iniziativa, organizzata da Comune di Siena-Obiettivo famiglia, Si-Siena Sociale nell’ambito del Tavolo Anziani, ha visto la presenza di un pubblico interessato dai temi all’ordine del giorno. Una rivoluzione per il “sistema sanità” con il forte intento di migliorare la qualità della vita del paziente e provare a fare in modo che la casa diventi “primo luogo di salute e cura”.

Grazia Ragazzoni, coordinatrice del tavolo anziani di “Si-Sienasociale la coprogettazione che tanto vale” e organizzatrice dell’evento, ha letto i saluti dell’assessore alla sanità del comune di Siena Francesca Appolloni e del Presidente della Società della Salute Senese Giuseppe Gugliotti che hanno sottolineato l’importanza di “mettere in contatto istituzioni e territorio per vivere la quotidianità di un mondo, come quello della sanità, che ha bisogno di coprogettazione e di sinergie per soddisfare i bisogni e le necessità della comunità intera”.

sanità territoriale - evento di SI-Sienasociale

sanità territoriale – evento di SI-Sienasociale

Nel primo intervento Lorenzo Baragatti, direttore Società della salute senese e zona distretto senese si è soffermato su “La rete dei servizi socio sanitari a Siena”. A seguire Mariella Taccioli, coordinatrice infermieristica zona senese, ha approfondito il tema “La nuova programmazione dell’infermiere di famiglia e di comunità a Siena”. Simona Dei, direttore sanitaria azienda Usl Toscana Sud Est, si è soffermata su: “Gli interventi sulla sanità territoriale a Siena”. Infine, Simone Bezzini, assessore alla sanità della Regione Toscana, ha relazionato in merito a “La programmazione dell’assistenza territoriale in Toscana in applicazione del decreto ministeriale n.77 del 2022”.

Sullo sfondo le grandi novità del numero unico 116117 per le cure non urgenti e dati che confortano: solo nel 2022, nella sola Siena e provincia, ci sono stati 34904 accessi dell’infermiere di famiglia. E poi le sfide. La rete dei servizi territoriali finanziata con i fondi PNRR che si deve integrare con la rete dei servizi offerti sul territorio: attivi o in corso di attivazione o, ancora, in fase di progettazione e il miglioramento della comunicazione tra i professionisti che, ora come non mai, deve essere chiara, completa, condivisa e aggiornata anche con il supporto dei mezzi tecnologici.

sanità territoriale - evento di SI-Sienasociale

sanità territoriale – evento di SI-Sienasociale

Le criticità? Certamente ci sono ed “investono” il piano finanziario sul quale pesano gli aumenti sui costi energetici e umane soprattutto nel settore dell’emergenza-urgenza. L’impegno di tutti può portare a risultati importanti e a confermare il sistema sanitario regionale toscano come tra i migliori tra quelli dell’intera penisola.

Il pomeriggio è stato moderato da Giuseppe Saponaro direttore della nostra testata ed ha visto la partecipazione anche di Cristina Pasqui coordinatore sociale per la Società della Salute Senese e Antonella Loiacono responsabile unità di cure palliative Siena. Per il terzo settore, di Sara Giannini presidente della Pubblica Assistenza di Siena, Andrea Franci Presidente dell’associazione “La Lunga Gioventù”, Giuliana De Angelis Presidente di Auser Siena e Massimo Vita Presidente Unione Ciechi e Ipovedenti Sezione di Siena.  Presenti, tra gli altri, tanti volontari.

sanità territoriale - evento di SI-Sienasociale volontarie Pubblica Assistenza

sanità territoriale – evento di SI-Sienasociale volontarie Pubblica Assistenza

(le foto sono di Stefania Ingino)

Per saperne di più

SI-SIENA SOCIALE, la coprogettazione che tanto vale, è tra Comune di Siena e enti del Terzo Settore per proposte a favore di anziani, minori, famiglie e disabili. Ecco le realtà partecipanti. Tavolo Anziani (Associazione di Pubblica Assistenza di Siena, La lunga gioventù Aps, Centro socio-culturale terza età Antonio Conti Aps); Tavolo Famiglia-Minori (Siena Soccorso Odv, Arciconfraternita di Misericordia di Siena Odv, M’ama Aps, La lunga gioventù Aps); Tavolo Disabilità (Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Siena ps, Autismo Siena Piccolo Principe Odv, Le Bollicine Aps, Sesto Senso Odv, Associazione Senese Down (Asedo) Odv, Il Laboratorio Odv).

“Il progetto della sanità territoriale a Siena” iniziativa di Si-Sienasociale

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle attività delle Associazioni del Territorio Senese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi