Archivi tag: Valdelsadonna

A Campostaggia musica che cura

Dalla pagina Facebook ufficiale di Valdelsadonna, associazione che si occupa di sostenere donne che combattono battaglie per la vita contro patologie incologiche, apprendiamo una notizia che scalda il cuore. La proponiamo di seguito con la consapevolezza che la musica può curare cuore e corpo.

Nel reparto oncologico dell’ospedale di Campostaggia questa mattina si respirava un’atmosfera natalizia che ha toccato i cuori di medici e pazienti mentre le infermiere, impegnate nel loro prezioso lavoro, si soffermavano incantate dalla voce della dottoressa Giulia Orlandini che nel reparto si occupa di Cure Palliative.

Nella foto la dottoressa Orlandini e i musicisti

Nella foto la dottoressa Orlandini e i musicisti

Le musiche della tradizione hanno portato un momento di serenità grazie al flautista Franco Vichi anche lui medico, e a un gruppo di giovani e valenti musicisti che lo accompagnavano.

Un Concerto di Natale organizzato dalla dottoressa Casi e dai suoi colleghi Oncologi riservato al personale sanitario e ai pazienti del Day Hospital Oncologico.

La redazione di Sienasociale.it si complimenta con tutte le persone che hanno dato il proprio contributo a questa lodevole iniziativa

Calendario Valdelsadonna: imprenditrici del vino protagoniste

Veder nascere un progetto, seguirlo passo passo e riuscire a presentarlo realizzato così come era stato concepito è sempre motivo di grande coinvolgimento emotivo.
Questa emozione si è rinnovata nel pomeriggio di sabato 3 dicembre presso il Castello della Magione a Poggibonsi, un complesso medievale sede della Milizia del Tempio, dove Valdelsadonna Odv è stata gentilmente ospitata per la presentazione del suo Calendario 2023 la cui veste grafica è stata curata da Irene Schnider Grafic Design. Un progetto realizzato con la collaborazione dei fotografi Ugo Marzi e Carlo Fiorentini e della Tipografia Parri di Colle Val d’Elsa.

Dopo il Calendario 2022 dedicato all’arte e alle artiste valdelsane, quest’anno le protagoniste dei dodici mesi dell’anno sono altrettante imprenditrici del territorio che, con coraggio e caparbietà, si sono affermate nel mondo del vino riuscendo in una battaglia che cinquant’anni fa poteva sembrare persa in partenza.

Abbattere il muro di un settore da sempre appannaggio degli uomini non deve essere stato facile.

A loro, guerriere nella loro professione, Valdelsadonna ha affidato il compito di “ambasciatrici” di un messaggio importante: quello della prevenzione, che riguarda anche questo alimento che come sappiamo è vita, è cultura, è tradizione e raffinato piacere da coltivare con saggezza e moderazione.

La presentazione di questo calendario ha visto una partecipazione da parte della comunità che non ci aspettavamo: tanti amici che hanno voluto condividere un momento di grande soddisfazione per l’Associazione, che ha colto l’occasione per brindare al suo quindicesimo anno di attività con l’ottimo vino offerto dal Consorzio della Vernaccia di San Gimignano.
Il momento migliore per ricordare le figure femminili che hanno costituito l’Associazione che di anno in anno si è consolidata e arricchita di nuove volontarie, di nuovi progetti e di un impegno sempre maggiore.

Da qualche tempo Valdelsadonna ha allargato i propri orizzonti e dopo il mondo dell’arte, siamo entrate in contatto diretto anche con il mondo dello sport, coinvolgendo personaggi e Società che hanno aperto le porte alla nostra Associazione, dedita al servizio delle donne malate di tumore al seno, e dunque fortemente orientata anche alla promozione della consapevolezza del ruolo essenziale svolto dalla Prevenzione Primaria.

La campionessa valdelsana Irene Siragusa per prima ha abbracciato con entusiasmo questo progetto con nostro grande piacere.
Le atlete della Pietro Larghi Volley di Colle Val d’Elsa hanno giocato con la fascia rosa al braccio per condividere l’impegno della nostra Associazione nei confronti dell’Ottobre Rosa: “Prevenzione come progetto di vita”.
Recentemente anche il Valdelsa Rugby di Colle Val d’Elsa e l’U.S. Poggibonsi hanno dato vita ad iniziative per sostenere e amplificare il messaggio che desideriamo diffondere anche fra i giovani atleti.

La brillante serata al Castello della Magione ci ha confermato l’apprezzamento e la considerazione dell’Amministrazione Comunale di Poggibonsi, attraverso le belle parole dell’Assessora Enrica Borgianni e quelle della Direttrice del Consorzio della Vernaccia di San Gimignano, Sara Grazzini, che ha assicurato la vicinanza del Consorzio e sua personale al nostro impegno per il territorio.

Un ringraziamento particolare va indirizzato poi a Vincenzo Niccolini e Laura Castellacci, della delegazione Sommelier Siena Valdelsa, per l’elegante servizio offerto e a Lorenzo Scala, perfetto anfitrione che ha fatto gli onori di casa con una interessante pagina di storia medievale, in cui ha illustrato le origini del luogo che ha ospitato la serata, sorto come sito di accoglienza per i pellegrini in transito sulla via Francigena.

Antonella Lomonaco (Presidente di Valdelsadonna)

Nelle foto, tratte dalla pagina Facebook ufficiale di Valdelsadonna, 2 momenti della serata

Valdelsadonna: “non possiamo restare in silenzio”

Riceviamo e pubblichiamo il significativo messaggio della Presidente di Valdelsadonna. È il nostro modo per far sentire realmente da che parte stiamo. Grazie ad Antonella Lomonaco

Noi di Valdelsadonna siamo impegnate nella battaglia per la vita su un altro fronte ma siamo anche donne che non possono rimanere in silenzio in una giornata come questa.

Oggi 25 Novembre 2022 essere ancora costretti a combattere la battaglia contro la violenza sulle donne ci comunica un senso di frustrazione. In una società nella quale si parla con insistenza delle conquiste ottenute dal mondo femminile per un’indipendenza economica e sociale, per un rapporto di reciprocità con il mondo maschile, per la parità di genere, per la tutela dei propri diritti fra i quali la libertà e l’autodeterminazione, dobbiamo purtroppo prendere atto che la battaglia più importante non è stata ancora vinta.

Si parla di dati che indicano i femminicidi in aumento rispetto allo scorso anno ma oltre a questi drammatici eventi il nostro pensiero va alla violenza psicologica che tante donne sono costrette a subire in ambito familiare e lavorativo. Una violenza che si consuma spesso nel silenzio e nell’abitudine consolidata di gesti e parole che feriscono l’anima.

Noi siamo convinte che questa battaglia sarà vinta grazie anche alle testimonianze di donne forti che hanno rifiutato di genuflettersi a costo della loro stessa vita.

Antonella Lomonaco (Presidente di Valdelsadonna)

Per saperne di più

da Monsanto a Isole e Olena – Il castello della Paneretta