Archivi tag: prevenzione

Sinalunga: corso di disostruzione pediatrica

Riceviamo e pubblichiamo volentieri quanto ci ha fatto pervenire la direzione di “Zucchero Filato Nido Bilingue”. Un corso per la prevenzione che ha visto protagonista la Misericordia di Sinalunga.

Ieri, abbiamo ospitato un corso di disostruzione pediatrica, ovvero manovre salvavita di primo soccorso per trattare il soffocamento a causa dell’ostruzione delle vie aeree superiori di neonati e bambini, da parte di un oggetto estraneo in genere cibo o un giocattolo.

I volontari della Misericordia di Sinalunga hanno accettato molto volentieri il nostro invito, sostenendo con grande emozione l’importanza di diffondere l’acquisizione di tali manovre, soprattutto tra le persone che sono a contatto con i bambini: genitori, nonni, educatori e ingegnati.

Grazie alla grande umanità e preparazione dei volontari della Misericordia di Sinalunga, il corso non ha offerto solo tecniche e teorie, ma attraverso le prove di simulazione, i partecipanti sono stati sostenuti e incoraggiati nel momento in cui hanno espresso paure e preoccupazioni.

Un servizio educativo deve assolvere a queste importanti funzioni di sostegno alla genitorialità, offrendo percorsi formativi per accompagnare i genitori nella costruzione della quotidianità dei propri figli, per non sentirsi soli, per evitare l’isolamento e per riconoscere nel territorio di appartenenze le risorse utili a sostenerli. Questo incontro formativo, fa parte di un progetto di sostegno alla genitorialità che vedrà nuovamente coinvolta la Misericordia di Sinalunga e altre realtà del territorio della Valdichiana.

Ringraziare è un dovere, soprattutto quando qualcuno fa qualcosa per noi.
Noi dello Zucchero Filato  ringraziamo la Misericordia di Sinalunga, per il tempo, la pazienza, la simpatia e la grande e non scontata empatia con tutti i partecipanti al corso.
Grazie ai genitori, nonni e insegnati, per aver accolto con grande sensibilità, la nostra intenzione di offrire uno spazio di promozione e di rinforzo alle proprie risorse in situazioni dove la paura potrebbe prendere il sopravvento.

 

 

 

 

 

Laura e la necessità del fare: 19.000 raccolti

Grande successo e circa 19mila euro raccolti per la Pittarosso Pink Parade a Monteroni d’Arbia: da queste parti niente ferma le donne!

Abbiamo incontrato Laura Ceccarelli, referente sul territorio per la Fondazione Umberto Veronesi, esattamente ad una settimana dalla Pittarosso Pink Parade, la camminata non competitiva organizzata da PittaRosso a sostegno della ricerca scientifica sui tumori femminili. Cinque chilometri, mille donne (e uomini) partecipanti, che lo scorso 23 ottobre hanno inondato e colorato di rosa solidale le colline della val d’Arbia per sostenere insieme il progetto “Pink is Good” per promuovere la ricerca e la sensibilizzazione sui tumori del seno, dell’utero e dell’ovaio.

Parlare con Laura vuol dire percepire tutta la sua voglia di fare, la grande fiducia nella ricerca e la profonda gratitudine per la riuscita di una iniziativa che può fare la differenza nella prevenzione dei tumori femminili.

Cosa rappresenta per te la Pittarosso Pink Parade che hai voluto organizzare a Monteroni d’Arbia?

“Per me il “fare” è sempre stato una necessità. Penso sempre che siamo di passaggio, una vita da spettatori ha poco senso e non vorrei mai lasciare il mio posto senza aver lasciato qualcosa agli altri. Fare aggregazione e creare momenti per stare insieme e costruire ricordi mi è sempre piaciuto. Ho organizzato tante cose negli anni, gite e uscite fuori porta tra famiglie, sempre pensate con iniziative e occasioni per condividere esperienze, scoprire nuovi posti, mettersi in gioco. Nel 2020 una diagnosi tumorale mi ha stoppato. La settimana di ricovero all’Istituto Europeo Oncologico, in pieno lockdown, è stato il momento peggiore perché tante persone che avrebbero voluto starmi accanto non hanno potuto farlo per cause di forza maggiore. Quando tutto è passato, la sensazione è stata quella di sentirsi “miracolata”, forse è la parola giusta, ma anche un po’ in debito perché mentre tu ne sei fuori e ne cavi le gambe, sai che non è stato così per tutti. Io non sono medico né ricercatore, l’unico modo per pagare quel debito è fare la mia parte. La prima volta comprai i panettoni, per il Natale solidale, e da lì mi hanno contattato, ho sostenuto e promosso sul territorio tante delle loro iniziative fino alla prima Pittarosso Pink Parade sul nostro territorio”.

La prima edizione si è svolta a Monteroni nel 2021, come era andata?

“Ero convinta che sarei riuscita a mettere insieme, non senza fatica, una trentina di persone. Cercai di aiutarmi con il passaparola tra amici, colleghi, conoscenti. Alla fine eravamo trecentocinquanta”. 

E nel 2022?

“Abbiamo avuto mille partecipanti e ancora stento a crederci. Ero così scettica che, insieme alla mia amica Rosella, aiuto prezioso in questa impresa, abbiamo raccolto e scritto a mano tutte le adesioni pensando che sarebbero state poche e quindi di facile gestione”. 

Un’ondata di solidarietà che ti ha travolto…

“Sono state giornate frenetiche, abbiamo visto crescere questa iniziativa passo dopo passo e non sarebbe stata possibile senza il contributo di tutti coloro che ci hanno aiutato. Dall’amministrazione comunale a tutti i volontari impegnati nel coordinamento e nella gestione logistica di ogni aspetto, dalla Pubblica Assistenza Val d’Arbia che era presente con ben due equipaggi al dj che ha animato l’iniziativa, a tutte le realtà locali che ci hanno supportato con il loro lavoro e a coloro che in forma del tutto gratuita hanno messo a disposizione dei partecipanti acqua, bibite e snack, curandone la distribuzione e il servizio bar”.

Possiamo condividere lo straordinario risultato della raccolta fondi monteronese?

“Grazie alle adesioni alla camminata e alle donazioni effettuate nella giornata di domenica, comprensive di una donazione straordinaria devoluta dall’Associazione AMA Monteroni che ha curato il servizio bar, abbiamo raccolto oltre 19mila euro. Tutti i fondi raccolti saranno devoluti alla ricerca sui tumori femminili per lo studio di nuove cure e strumenti diagnostici per ridurre il più possibile il rischio di queste malattie”.

Hai già nuove iniziative in programma?

“Solitamente a Natale la Fondazione Umberto Veronesi propone Il panettone per la ricerca da regalare ad amici, clienti, collaboratori, familiari. Il ricavato dell’iniziativa sarà destinato a supportare il lavoro dei migliori ricercatori impegnati a trovare nuove cure e terapie innovative per bambini e adolescenti malati di tumore. Sempre al sostegno della ricerca e della cura sui tumori infantili è dedicata anche la campagna “Il pomodoro per la ricerca. Buono per te, buono per l’ambiente” che periodicamente rilanciamo. Sul territorio, invece, stiamo lavorando alla programmazione di una serie di serate che prevedono la visita guidata al Santa Maria della Scala, con una particolare attenzione alle aree espositive meno note e lontane dai percorsi prettamente turistici, e a seguire un aperitivo in compagnia. Questa iniziativa sarà dedicata alla nostra amica Marzia Roncucci”.

La coprogettazione per la prevenzione delle fragilità dei genitori

Percorso gratuito di prevenzione delle fragilità genitoriali per neo-genitori. Presso Centro M’ama, viale Toselli 11 Siena (con possibilità di seguire on-line). Tutti i mercoledì, ore 10:00-12:00 a partire dal 26 Ottobre 2022

Il Progetto Si-Sienasociale – tavolo famiglia e minori, prosegue con le sue attività di formazione e sensibilizzazione sui temi relativi ai bisogni di genitori e minori. In quest’ottica il centro M’ama Siena mette a disposizione i suoi professionisti a sostegno delle fragilità dei neo genitori, fornendo informazioni utili, grazie ad una formazione semplice ma che si pone l’obiettivo di essere esaustiva.

In particolare verranno affrontate le seguenti tematiche:

Meroledì 26 Ottobre ore 11:00-13:00 le ostetriche presenteranno il loro intervento dal titolo “L’allattamento”

Mercoledì 2 Novembre ore 10:00-12:00 la psicoterapeuta presenterà il suo intervento dal titolo “Aspettative VS realtà, cosa accade alla coppia dopo la nascita di un figlio? Il genitore perfetto esiste?”

Mercoledì 9 Novembre ore 10:00-12:00 la logopedista presenterà il suo intervento dal titolo “Logopedia e primo anno di vita”

Mercoledì 16 Novembre ore 10:00-12:00 l’osteopata presenterà il suo intervento dal titolo “Fasi evolutive del neonato e dell’infante. Il trattamento osteopatico delle disfunzioni nei primi mesi di vita”.

Mercoledì 23 Novembre ore 10:00-12:00 la consulente perinatale e babywearing presenterà il suo intervento dal titolo “Babywearing come risposta ai bisogni fisiologici della famiglia e del neonato

Mercoledì 30 Novembre il musicoterapeuta presenterà l’intervento “Musicoterapia e neogenitori”

Mercoledì 7 Dicembre ore 10:00-12:00 la fisioterapista presenterà il suo intervento dal titolo “Come cambia il corpo dopo il parto naturale o cesareo”

Mercoledì 14 Dicembre ore 10:00-12:00 la dietista presenterà il suo intervento “Aggiungi un posto a tavola”

Mercoledì 21 Dicembre ore 10:00-12:00 il docente formatore e tecnico sportivo specializzato presenterà il suo intervento “L’importanza del bagaglio motorio nello sviluppo del bambino. Le fasi sensibili, gli schemi motori di base e l’esperienza acquatica”.

Per aderire si può inviare una email al seguente indirizzo di posta elettronica: centromamasiena@gmail.com

SI-SIENA SOCIALE, la coprogettazione che tanto vale, è tra Comune di Siena e Enti del Terzo Settore per proposte a favore di anziani, minori, famiglie e disabili. A seguire le realtà partecipanti. Tavolo Anziani (Associazione di Pubblica Assistenza di Siena, La lunga gioventù APS, Centro socio-culturale terza età Antonio Conti APS); Tavolo Famiglia-Minori (Siena Soccorso ODV, Arciconfraternita di Misericordia di Siena OdV, M’ama APS, La lunga gioventù APS); Tavolo Disabilità (Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Siena APS, Autismo Siena Piccolo Principe ODV, Le Bollicine APS, Sesto Senso ODV, Associazione Senese Down (ASEDO) ODV, Il Laboratorio ODV).

La foto è tratta dalla pagina Facebook di centro M’Ama 

 

Fotografia di Daniela Maggipinto instagram themothagainstalight

Ospedale Campostaggia: mammografie e visite ginecologiche gratuite

Mammografie nei giorni del 28 e 29 ottobre. Visite ginecologiche ed ecografie gratuite nei giorni di sabato 22 e sabato 29 dedicato alle donne dai 50 ai 65 anni

L’ospedale di Campostagga si tinge di rosa aderendo alla campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del tumore al seno. Mercoledì 26 ottobre, in auditorium, dalle ore 11.30 alle 13 è in programma un incontro tra il servizio di Senologia ed il territorio dell’Alta Valdelsa. Durante l’evento verranno presentati i dati dell’attività, i servizi offerti e le nuove prospettive diagnostiche, al quale seguirà un dibattito che coinvolgerà il pubblico presente in aula.

Inoltre il Servizio di Senologia offrirà:
• mammografie nei giorni del 28 e 29 ottobre previo appuntamento telefonico al numero 0577 994276. Al via le prenotazioni da lunedì 24 ottobre fino ad esaurimento posti disponibili.

Il servizio di Ginecologia metterà anche a disposizione:

• Visite ginecologiche ed ecografie gratuite nei giorni di sabato 22 e sabato 29 dedicato alle donne dai 50 ai 65 anni previo appuntamento telefonico al numero 0577 994405

• Pap test alle donne che non si sono presentate alle sedute d’invito. Le pazienti saranno richiamate direttamente dagli uffici

Valdelsa donna: gestione emozioni e mammografie gratuite

Fotografia di Daniela Maggipinto instagram themothagainstalight

Fotografia di Daniela Maggipinto –  instagram themothagainstalight

Due importanti iniziative dell’ASSOCIAZIONE PER IL SOSTEGNO DELLA LOTTA CONTRO I TUMORI. Valdelsa Donna è una realtà fatta di donne nata con il l’obiettivo di diffondere la cultura della prevenzione ma soprattutto con l’intento di accompagnare coloro che stanno affrontando un cammino impegnativo in un alternarsi di angoscia e di speranza.  Ecco i prossimi appuntamenti:  un incontro sulle emozioni e l’iniziativa delle mammografie gratuite. 

“La gestione delle emozioni in un percorso di malattia oncologica” questo l’importante appuntamento, in programma il 6 ottobre alle 17.30,  presso la  sede associativa in Via Trento-Galleria delle Associazioni a Poggibonsi: relatore il dottor Petri.

Abbiamo chiesto ad Anna Zangara* ,Tutor Emozionale, una sua opinione professionale sull’importanza dell’incontro. La professionista evidenzia: “in relazione all’incontro allegato, non mi addentro in questioni che non mi competono, ma, alla base della mia formazione riguardo la sfera emotiva, sostengo che sia un’iniziativa importante e meritevole di una numerosa partecipazione di persone per conoscenza e sensibilizzazione sull’argomento. Dal momento che, soprattutto di fronte a circostanze cosi impattanti per la sfera emotiva del singolo, è ancora più fondamentale ricevere maggior supporto e accompagnamento nel percorso da vivere e affrontare, l’individuo non deve sentirsi solo e demotivato nel compierlo. Avere persone al suo fianco in questa esperienza sarà sinonimo di speranza e forza”.

Non è tutto.  Siamo alle porte del mese di ottobre e Valdelsadonna si è attivata per ricordare alla comunità che “Ottobre Rosa” è legato alla cultura della prevenzione. Venerdì 28 e sabato 29 Ottobre saranno dedicati alle mammografie gratuite presso la Senologia dell’ospedale di Campostaggia. L’iniziativa “Week end Rosa” è riservata alle giovani donne che ancora non rientrano nel percorso di screening regionale, che comprende le donne dai 45 ai 74 anni, ma che devono imparare l’importanza dei controlli programmati, in considerazione del fatto che l’incidenza del tumore al seno è purtroppo aumentata nelle donne al di sotto di quella fascia d’età. Sara’ possibile prenotare una mammografia gratuita da lunedì 24 ottobre, fino a esaurimento posti, nelle modalità che saranno rese note nei prossimi giorni.

*Anna Zangara si occupa della gestione delle emozioni e dell’approccio emotivo della vita di tutti i giorni di adulti e bambini, sia in presenza che online, in quanto le emozioni sono il nostro carburante e la nostra bussola interiore che ci muovono durante tutto l’arco della giornata e della vita.

Per saperne di più

Home