la copertina del racconto

“C’è uno spettro a casa mia” Lions per Associazione Piccolo Principe

Una serata speciale, ad invito, avrà luogo al Four Points by Sheraton Siena, in Via Antonio Lombardi 41, a partire dalle ore 19.00, con una relazione del prof. Massimo Mazzini sull’Amazzonia. A seguire una conviviale durante la quale sarà presentato, a cura di Vinicio Serino antropologo e responsabile culturale del Club,  il racconto di, Luisa Patta, “C’è uno spettro a casa mia”. Il tutto a favore di Associazione Autismo Piccolo Principe

43 premi letterari vinti in un anno. La senese, di adozione, Luisa Patta, scrittrice, educatrice d’infanzia e mamma, brinda ad un successo inaspettato quanto meritato. Un traguardo celebrato anche con un bel gesto di solidarietà ed altruismo: il suo racconto “C’è uno spettro a casa mia”, in 500 copie, sarà stampato e donato all’Associazione Piccolo Principe che lo venderà a offerta libera; lo stesso faranno il Lions Club Siena e il Leo Club Siena devolvendo ogni somma raccolta all’associazione.

Il presidente di  Lions Club Siena Luca Betti evidenzia: “Da diversi anni, il Lions Club Siena sostiene l’operato dell’Associazione Autismo Siena Piccolo Principe che opera a 360 gradi con genitori, familiari, professionisti, enti pubblici e privati a supporto delle persone con problemi legati alla sindrome dello spettro autistico. Quest’anno l’incontro casuale con Luisa Patta, giovane autrice vincitrice di diversi premi nazionali con i suoi racconti, e la scoperta che proprio uno di questi racconti premiati  era legato al tema dell’autismo. Da questa piccola scoperta la decisione, condivisa in Consiglio Direttivo, di estendere il nostro service con questa pubblicazione, il cui ricavato andrà interamente devoluto all’Associazione. Un ringraziamento particolare a Daniela Martelli autrice della bellissima immagine di copertina”.

Luisa Patta commenta così: “Grazie a questa iniziativa del Lions Club Siena, a cui sono molto riconoscente per essersi fidato ed affidato alle mie parole, ho riflettuto su quale sia il fine più nobile della scrittura: trasformare le parole in bene. Bene per sé ma soprattutto per gli altri. Spero di essermi avvicinata con il mio racconto al delicato e ricco tessuto emotivo delle persone affette da autismo e delle loro famiglie. Ringrazio anche BookTribu edizioni, con cui ho pubblicato questo racconto all’interno del mio libro, che ha abbracciato con entusiasmo questa iniziativa benefica”.

Per saperne di più

Lions Club Siena – Distretto 108 – LA