Archivi tag: civile

Rischio neve ecco le buone pratiche di protezione civile

Rischio neve: ecco le buone pratiche di protezione civile

I volontari comunicatori della Pubblica Assistenza Val d’Arbia condividono le buone pratiche di protezione civile in caso di allerta per rischio neve

Il Centro Funzionale della Regione Toscana ha emesso allerta di criticità gialla per rischio neve fino alle ore 15.00 di oggi, lunedì 23 gennaio, su tutto il territorio della provincia di Siena, esclusa Val d’Elsa.

Sulla pagina Facebook “Io non rischio – Val d’Arbia” i volontari comunicatori del gruppo di Protezione Civile della Pubblica Assistenza Val d’Arbia hanno condiviso con i cittadini poche e semplici buone pratiche di protezione civile da tenere a mente in caso di allerta per rischio neve.

“Il livello di criticità gialla – spiegano i volontari – ci invita ad essere consapevoli. Come ci insegna la campagna Io non rischio, che è ormai parte della nostra quotidianità grazie alle piazze digitali dei social network, è importante la condivisione delle indicazioni di auto-protezione che permettono di aumentare considerevolmente la nostra sicurezza.”

Buone pratiche: cosa fare? Tenersi informati in maniera puntuale e attendibile attraverso i canali istituzionali sull’evoluzione delle condizioni meteo è la prima buona regola. È importante poi controllare lo stato delle attrezzature, come pala e scorte di sale, che possono essere utili in caso di neve o ghiaccio nei pressi della propria abitazione o della propria attività commerciale e indossare scarpe adeguate per evitare di cadere.
In caso di allerta per rischio neve è importante valutare con attenzione ogni spostamento in auto, montare pneumatici da neve oppure assicurarsi di avere a bordo catene da neve, preferibilmente a montaggio rapido, e controllare che ci sia il liquido antigelo nell’acqua del radiatore oltre a verificare lo stato della batteria e l’efficienza delle spazzole e dei tergicristalli. È consigliabile fare qualche prova di montaggio delle catene perché è meglio imparare ad usarle prima, piuttosto che trovarsi in difficoltà sotto una fitta nevicata. Non dimenticare di tenere in auto i cavi per l’accensione forzata, pinze, torcia e guanti da lavoro.

Visita il sito web www.iononrischio.it per scoprire le buone pratiche di protezione civile per proteggersi dai rischi naturali del territorio in cui vivi!

Emilia Di Gregorio

Rischio neve ecco le buone pratiche di protezione civile

Neve su Siena e provincia: volontari pronti

L’allerta neve e’ terminata a mezzanotte di ieri.  E’ iniziata quella ghiaccio. I volontari sono pronti, come sempre, ad intervenire se la situazione dovesse peggiorare in modo importante.

Il volontariato di protezione civile può contare, solo a Siena e provincia, su più di 60 realtà associative vero vanto della nostra collettività.

Nella foto, scattata ieri alle 20, Siena via Quinto Settano all’altezza dell’incrocio con via Cittadini

Servizio civile con QuaViO: puoi far domanda

Servizio civile in QuaViO: 444,30 euro e possibilità di lavoro agile

QuaViO Odv seleziona 2 volontari di età compresa tra i 18 e 28 anni di cittadinanza italiana o di uno stato membro dell’Unione Europea o extra comunitari in regola con il permesso di soggiorno. Il progetto si chiama “Una rete per il malato oncologico – Assistenza domiciliare, hospice e cure palliative 2023″    (vedi: https://www.favo.it/servizio-civile/rete-malato-oncologico#domiciliare)

QuaViO è una realtà che, da oltre 30 anni a Siena e provincia, si occupa di cure palliative: dunque di tutela della vita fino all’ultimo istante Chi sceglie QuaViO opta per un’associazione che lavora con serietà, ogni giorno, per la medicina che non guarisce ma, certamente, cura.

La scadenza presentazione delle domande ore 14:00 del 10 febbraio 2023.

www.politichegiovanili.gov.it e  www.scelgoilserviziocivile.gov.it   per accedere alla guida per la compilazione della domanda, da presentare on line su https://domandaonline.serviziocivile.it .

Per maggiori informazioni  al 347 5412105  oppure presso la sede QuaViO  viale Don Minzoni, 43 dal lunedì al venerdì 9:30 – 12:30 /14:30 – 16:30.

l volontari saranno integrati nei servizi che l’associazione mette a disposizione dell’utenza. In particolare un volontario dovrà collaborare per la gestione dei servizi della segreteria; l’altro volontario avrà cura di monitorare tutti i progetti dell’associazione (formativi, raccolta
fondi, promozionali, convegni, manifestazioni, stand informativi, posizionamento e ritiro
salvadanai ecc.) Entrambi potranno partecipare ai corsi di formazione, condivisioni e supervisioni di gruppo, come percorso di crescita personale.

I volontari dovranno svolgere la loro attività per la durata di 25 ore settimanali (dal lunedì al venerdì) con orari variabili e con possibilità di lavoro agile per esigenze dell’associazione.

 

Servizio civile: possibilita’ anche a Siena

È stato pubblicato il Bando per la selezione di 71.550 operatori volontari da impiegare in progetti afferenti a programmi di intervento di Servizio civile universale da realizzarsi in Italia e all’estero. Mensile di 444,30 euro.

Fino alle ore 14.00 di venerdì 10 febbraio 2023 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei progetti che si realizzeranno tra il 2023 e il 2024 su tutto il territorio nazionale e all’estero.

In particolare:

  • 70.358 operatori volontari saranno avviati in servizio in 2.989 progetti, afferenti a 530 programmi di intervento, da realizzarsi in Italia;
  • 1.192 operatori volontari saranno avviati in servizio in 192 progetti, afferenti a 37 programmi di intervento, da realizzarsi all’estero;

I progetti hanno una durata tra 8 e 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1.145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi, articolato su cinque o sei giorni a settimana.

Gli operatori volontari selezionati sottoscrivono con il Dipartimento un contratto che fissa, tra l’altro, l’importo dell’assegno mensile per lo svolgimento del servizio in € 444,30 che potrebbe essere incrementato sulla base della variazione, accertata dall’ISTAT.

Per poter partecipare alla selezione occorre individuare il progetto di SCU su cui essere impegnati.

Si ricorda che i giovani che hanno già svolto il servizio civile nazionale o universale non possono presentare istanze di partecipazione, fermo restando quanto indicato all’articolo 3 del presente bando.

Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 10 febbraio 2023.

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema DOL

1 – I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitalewww.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede. Per accedere alla piattaforma DOL occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2.

2 – I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, qualora non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo la procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

» Vai alla pagina del bando

» Vai al sito dedicato al bando 2022

Nella foto di archivio giovani volontari